Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

Pagamenti con tecnologia NFC a rischio hacker | Apple Rumors
forum apple

Pagamenti con tecnologia NFC a rischio hacker

Tra le presunte caratteristiche del prossimo iPhone 5 pare ci sia la tecnologia NFC, che permette di effettuare i pagamenti direttamente con il proprio cellulare, senza dover ricorrere alla carta di credito.

tecnologia nfc iphone 5

Il pericolo, pero’, sta dietro l’angolo. Durante la conferenza Def Con di Las Vegas, un gruppo di hacker ha dimostrato quanto questa tecnologia non sia stata ancora perfezionata, permettendo ad eventuali malintenzionati di effettuare pagamenti a nostro carico, rubandoci i dati sensibili.

A mostrarlo nello specifico e’ stato Eddie Lee, specialista in sicurezza di Blackwing Intelligence, che ha utilizzato un applicativo software per Android, NfcProxy, che consente di leggere i dati contenuti nel cellulare, relativi alla propria carta di credito, e usarli per effettuare acquisti a nostro carico nei negozi abilitati.

Ancora prima di Eddie Lee, all’Hes-Hackito Ergo Sum di Parigi, Renaud Lifchitz, esperto di sicurezza informatica per Bt, aveva dimostrato come fosse relativamente semplice sottrarre a chiunque i dati della propria carta di credito, stando a un metro di distanza dall’ignara vittima, tramite un software e un accessorio (da 100 euro) che intercetta le connessioni wireless NFC.

Ma la colpa pare non essere della tecnologia NFC, ma dei servizi che l’utilizzano. Raoul Chiesa, fondatore del Clausit (associazione italiana per la sicurezza informatica), ha specificato:

Lo standard NFC e’ sicuro, il problema e’ che nell’adottarlo i gestori dei servizi di pagamento non hanno applicato la crittografia.

Fortunatamente in Italia la tecnologia NFC non e’ ancora arrivata. Questo pare consentira’ a servizi quali Intesa San Paolo e Poste Italiane, che adotteranno questo servizio, di poter tener conto di questa problematica ben presente negli USA.

Intesa San Paolo, infatti, assicura: “I dati dei nostri utenti saranno crittografati“, consentendo di associare i cellulari a una carta prepagata contactless.

Categorie: Apple - Tag: