Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

La Federeal Trade Commission convoca Apple per le indagini su Google | Apple Rumors
forum apple

La Federeal Trade Commission convoca Apple per le indagini su Google

La rete di controlli che la Federeal Trade Commission degli USA ha fatto calare su Google, ora sembra colpire anche Apple: secondo fonti anonime,l’FTC avrebbe citato in giudizio Cupertino per verificare le modalità e le ragioni con cui il motore di ricerca è stato incorporato come predefinito su iPhone ed iPad.

motore di ricerca google su iPhone

E’ da molto tempo che il controllo sulle attività commerciali sta sorvegliando il colosso di Mountain View, sospettato di abuso di posizione dominante, infatti, da circa un anno sono sotto esame le tariffe pubblicitarie per i concorrenti e i risultati delle ricerche al fine di verificare che non ci sia nessun vantaggio per la società ed i servizi Google+.

Apple ha scelto Google come motore di ricerca per eccellenza fin dal primo esordio, nel 2007, dell’iPhone ripetendo la tradizione tre anni dopo con l’iPad 2. Apple, inoltre, utilizza anche Google Maps come un servizio privilegiato sui suoi dispositivi mobili.

Le motivazioni di queste scelte possono essere tante,partendo dal fatto che da sempre gli utenti Mac premiano il motore di Mountain View, anche perché uno dei concorrenti diretti, Bing , è di proprietà dell’eterna rivale Microsoft.

In Europa, Google, ha percentuali di utilizzo del ben 90 % sui pc,  anche per questo le autorità hanno voluto effettuare dei controlli sulla posizione di dominio del motore di ricerca.

Ma sinceramente, perché Apple non avrebbe dovuto scegliere Google come motore di ricerca predefinito visto il grande successo riscossi tra gli utenti? L’elevato utilizzo da parte del popolo della Mela non deve per forza essere legato a qualche strano meccanismo intrapreso dall’azienda di Mountain View.

Ad ogni modo Joaquin Almunia, responsabile antitrust della Commissione Europea, ha fatto sapere che il 5 marzo saranno comunicate all’azienda le conclusioni in merito alle verifiche effettuate negli ultimi 18 mesi.

Categorie: Apple - Tag: