Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Bill Gates parla del suo rapporto con Jobs | Apple Rumors
forum apple

Bill Gates parla del suo rapporto con Jobs

In una recente intervista con The Telegraph Bill Gates, fra gli altri argomenti, ha avuto modo di parlare anche del suo complicato rapporto con Steve Jobs.

foto steve bill

Gates ha affermato che fra di loro è cambiato qualcosa, in meglio, da quando nel 2007 fondò la Bill and Melinda Gates Foundation: “Tenemmo un evento insieme, e non avrebbe potuto essere più carino… Ho passato un po’ più tempo con lui negli ultimi anni della sua vita”. Quando venne a sapere delle condizioni di salute precarie di Steve, Gates gli inviò una lettera, di cui ha parlato a The Telegraph:

Dissi a Steve di come si sarebbe dovuto sentire grande per le cose che ha fatto e per la compagnia che ha creato. Gli ho parlato dei suoi figli, che ho avuto modo di conoscere… Non c’era nessuna pace da fare. Non eravamo in guerra. Abbiamo creato entrambi grandi prodotti, e la competizione è una cosa positiva. Non c’era nessuna causa per un qualsivoglia perdono.

Dopo la morte di Jobs, Laurene Powell, moglie del cofondatore di Apple, chiamò Gates per dirgli che Isaacson non aveva dipinto accuratamente il rispetto reciproco dei due:

Mi disse: “Guarda, questa biografia non dipinge un giusto quadro del rispetto reciproco che provavate“. E mi disse che aveva apprezzato la mia lettera e che la teneva accanto al letto.

Ha parlato poi della figura di Steve Jobs in generale, definendolo come un “incredibile genio” ma facendo anche notare che molte volte egli disse cose poco carine sul suo conto:

Steve è stato un grande genio che ha contribuito immensamente al campo in cui lavoro. Abbiamo avuto dei periodi, come durante i primi anni del progetto Macintosh, in cui avevamo più persone noi a lavorare sul progetto che loro. E poi siamo stati avversari. Il Personal Computer a cui penavo io ha avuto sempre una maggior percentuale di presenza nel mercato, fino agli ultimi cinque-sei anni. Il bel lavoro che ha fatto sul Mac, sull’iPhone e sull’iPad ha fruttato bene. Ha speso un sacco di tempo per competere con me. Ci sono state molte volte in cui ha detto cose poco carine sul mio conto. Se prendete gli esempi più gravi, potete ottenere quasi una litania.

 

Categorie: Apple - Tag: ,