Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

Secondo Miramax Apple è peggio della pirateria | Apple Rumors
forum apple

Secondo Miramax Apple favorisce la pirateria

Durante la fiera dell’intrattenimento di Cannes l’amministratore delegato di Miramax, Mike Lang, ha riferito che il vero problema per l’industria cinematografica non è tanto la pirateria quanto la condizione di monopolio attuata da Apple circa i contenuti digitali.

Le affermazioni sono state riportate da Music Ally e da Rapid TV News specificando che, in quel contesto, l’amministratore si trovava davanti ad un pubblico di professionisti, tuttavia l’appello è rivolto a tutti i consumatori in quanto sarebbero questi ultimi a percepire maggiormente gli effetti negativi della mancanza di una reale concorrenza per i contenuti multimediali.

michael-lang

La cinematografia costituisce solo un gradino preceduto a sua volta dal campo musicale che i professionisti studiano per evitare il ripetersi nel prossimo futuro della condizione di monopolio Apple attualmente presente. Mike Lang sostiene che l’aumento dei contenuti e della pirateria ha portato i produttori a concentrare l’offerta che a sua volta ha reso “Apple l’azienda più potente nel settore della musica per mancanza di competizione”, ma “la pirateria non è il problema più grande per la nostra  azienda o per il nostro settore”, lo sarebbe invece “la mancanza di sfruttamento  delle opportunità, semplicemente il fatto di non esserci”.

Parrebbe dunque che con l’aumento di fonti legittime, e relative offerte, la pirateria tenda a diminuire. Ciò sarebbe stato riscontrato in passato con la musica e oggi sembrerebbe ripetersi in generale con i contenuti multimediali ma iTunes, sempre secondo Lang, ostacolerebbe questo processo che porterebbe vantaggi tanto alle case di produzione quanto ai consumatori finali, soprattutto con l’attuale emersione di nuovi business.

Miramax, per contrastare questo fenomeno, ha dunque scelto di attuare degli accordi con Netflix e Hulu, importanti aziende USA di streaming che ancora risultano estranee al mercato italiano sostenendo che “è davvero importante per il nostro settore che permettiamo la crescita di più concorrenti nei mercati di tutto il mondo”.

L’accordo intrapreso da Miramax con l’azienda Netflix ha già coinvolto centinaia di film tra i quali emergono Pulp Fiction, Good Will Hunting e Kill Bill. Il successivo accordo contratto con Hulu, il mese successivo ha stabilito la trasmissione di film in onda su Hulu Plus, senza le interruzioni pubblicitarie, mentre 15 titoli con la presenza di pubblicità sul sito Hulu.com.
In America dunque Miramax, vista la sconfitta nel campo musicale, ha deciso di contrastare con forza Apple sui contenuti legati al cinema, ma l’esito di questa mossa è ancora tutto da vedere.

[Via]

Categorie: Apple - Tag:
  • Anonimo

    Allora qua non ci si capisce davvero.. per quanto riguarda il discorso concorrenza, è giustissimo che tutti possano proporsi con le loro offerte e quindi creare competizione, ma la politica Apple certo non va contro questo 🙂 non è certo colpa loro se le altre proposte non sono gettonate, iTunes ha stravolto il concetto di libreria multimediale! altro che favorire la pirateria!!! iTunes è pressoché l’unico nemico di reti come eMule o uTorrent.. è l’unico che offre musica a prezzo ragionevolmente basso (di sicuro più basso di un CD fisico originale) e ad altissima qualità!! tutto pronto lì da scaricare! se uno possiede un minimo di moralità e vuole COMPRARSI queste benedette canzoni o film che siano, Apple offre un servizio davvero concorrenziale 🙂 se altri non fanno lo stesso saranno ben problemi loro no? Per favore ditemi come la pensate voi…

  • Anonimo

    Allora qua non ci si capisce davvero.. per quanto riguarda il discorso concorrenza, è giustissimo che tutti possano proporsi con le loro offerte e quindi creare competizione, ma la politica Apple certo non va contro questo 🙂 non è certo colpa loro se le altre proposte non sono gettonate, iTunes ha stravolto il concetto di libreria multimediale! altro che favorire la pirateria!!! iTunes è pressoché l’unico nemico di reti come eMule o uTorrent.. è l’unico che offre musica a prezzo ragionevolmente basso (di sicuro più basso di un CD fisico originale) e ad altissima qualità!! tutto pronto lì da scaricare! se uno possiede un minimo di moralità e vuole COMPRARSI queste benedette canzoni o film che siano, Apple offre un servizio davvero concorrenziale 🙂 se altri non fanno lo stesso saranno ben problemi loro no? Per favore ditemi come la pensate voi…

  • Pingback: Steve Jobs: forse un guru, forse un maestro. Ma non il mio. « Racconti e voli pindarici di un emerito D…()